Abitare un manifesto in 10 oggetti.

#3 Attaccapanni

CARTE BLANCHE
ANTONIO SCARPONI • 13.03.2018

Leggi il manifesto nel nostro primo articolo #1 poltrona.

A, B, C: Cantinelle di abete certificato FSC piallate sezione 2×4.5 cm, lunghezza diversa. I profili sono disponibili in lunghezza da 1 m o di 2,5 m, in qualsiasi negozio di hobbistica (Coopbau, Jumbo, Migros DoIt, Bauhaus, ecc.), con questo tipo di schema è possibile tagliare i pezzi sul posto. Scegliere i profili il più dritti possibile, con pochi nodi. I profili si distinguono solo per il tipo di lavorazione e lunghezza che verrà eseguita in seguito.

D: 2 pannelli di legno di abete classe B larghezza 40 cm, spessore 1.8 cm, lunghezza 80 cm. Solitamente questi tagli sono già commercializzati con questa misura.
E: Profilo di abete a sezione circolare ø25 mm, lunghezza 80 cm.
F: Trapano/avvitatore elettrico con punta da legno di 3mm.
G: Punta a fresa 25 mm.
H: Cacciavite, si consiglia comunque un cacciavite elettrico.
I: Matita.
L: Metro a nastro estensibile.
M: Viti da cartongesso, 3.5×35 mm, colore nero.

Marcare con una matita le misure riportate su entrambe le estremità di uno dei profili di tipo B e C che hanno rispettivamente lunghezza 88 e 84 cm e realizzare un foro con la punta da legno ø3mm nel segno riportato.

Prendere i profili A, segnare con la marita la misura di 25 cm centrandola sul profilo ad una delle due estremità su tutti e quattro i profili che sono di lunghezza 180 cm. Sue due dei profili, effettuare la perforazione con una punta da legno ø3 mm (giustapponendoli uno all’altro, il foro verrà più preciso). Si otterrà così il pezzo A. Prendere ora la punta a fresa da 25 mm e forare il profilo A1. Si consiglia di tenere uno sfrido al di sotto dei profili onde evitare di perforare anche la superficie sottostante. Si otterranno in questo modo due profili A1 e due profili A.

Fissare i profili B ai profili A e i profili C ai profili A1, come da illustrazione. Infilare il profilo E all’interno dei profili A1. In questo modo si ottengono i due portali che compongono l’attaccapanni.

Sistemarli ora uno dentro l’altro come da illustrazione. In questo modo si potrà fissare il profilo E avvitandolo ai profili A.

Prendere le due tavole D e riportare con una matita i segni per le forature come indicato. Realizzare i rispettivi fori con la punta da legno di 3 mm.

Aprire il portale ottenuto nel punto V. L’attaccapanni ha preso forma.

Prendere le due tavole D e sistemarle sul telaio avvitandole da sopra attraverso i fori già realizzati al punto VI.

L’ attaccapanni è completato: calzature nella parte inferiore, borse al primo livello, cappotti appesi con delle grucce al profilo E, caschi e cappelli sulla mensola in alto.

Illustrazione: Antonio Scarponi